• teatropubblicoligure logo
  • teatri del paradiso
  • ODISSEA un racconto mediterraneo

  • ILIADE un racconto mediterraneo
  • Eneide un racconto mediterraneo
  • DECAMERON un racconto italiano in tempo di peste
  • Portus Lunae Art Festival
  • soriteatro
  • Letturainpubblico 200
  • FRANTOI dell’ARTE
  • FESTIVAL GROCK
  • STAR Sistema Teatri Antichi Romani
  • 5 terre Art Festival
  • FESTIVAL SCALI A MARE PIEVE
  • DIALOGHI
  • ATLANTE DEL GRAN KAN
  • Yves Klein
  • Tutto il Teatro in un manifesto
  • Tearto
  • I boreali
Federico Sirianni

Delitti esemplari

Federico Sirianni & Band

DELITTI ESEMPLARI in Concerto

da MAX AUB
Ideazione e regia SERGIO MAIFREDI

Max Aub scrisse i Delitti esemplari intorno alla metà degli anni ’50.
Immaginò di raccogliere una serie di brevi testimonianze di omicidi efferati da coloro che li avevano commessi, i quali si confessavano, raccontandone motivazioni e particolari.
Ma la drammaticità del fatto di sangue lascia il campo al sarcasmo, alla risata macabra, alla partecipazione e alla condivisione del lettore per quella spinta e quell’insana tendenza ad uccidere che, a poco serve negarlo, è presente in ognuno di noi.


Scrive Aub: “Questo è materiale di prima mano, trasferito direttamente dalla bocca alla carta, sfiorando appena l’orecchio. Confessioni senza storia: chiare, confuse o dirette, non hanno altro scopo che di spiegare il furore… Gli uomini sono esattamente come furono creati e volerli ritenere responsabili di ciò che d’un tratto li spinge ad uscire da sé stessi è una pretesa che non condivido… Le ragioni che li hanno spinti al crimine sono raccontate in tutta franchezza, forse con un unico desiderio, quello di lasciarsi trascinare dalla loro pena. Ingenuamente – secondo me – dicono grandi verità…”

Un libretto pregevole, che sembra uno scherzo un po’ dissennato, ma proprio uno scherzo non è, oggi più che mai ce ne rendiamo conto. Max Aub, a furia di scherzare, qui ha impugnato la frusta, e giù colpi dove capitava; qualche scudisciata ce la sentiamo sulla pelle. Ed è giusto: altrimenti divertirsi e basta sarebbe troppo comodo, no?

Da un’idea di Sergio Maifredi, direttore artistico di TEATRO PUBBLICO LIGURE, il pluripremiato cantautore genovese Federico Sirianni ha trascritto in canzone una dozzina delle storie raccontate dall’autore franco tedesco, realizzando così un’irriverente e divertente sarabanda teatral-musicale sul tema del delitto.
Gli spettatori vengono coinvolti nel corso dello spettacolo a raccontare il loro “sogno omicida” e il risultato è sempre sorprendente e crudelmente comico.

Lo spettacolo, nato nel 1996 e tutt’ora in scena, è stato rappresentato in diverse città italiane, a Milano (Teatro dei Filodrammatici e Teatro Libero), a Torino (Teatro Juvarra e Circolo dei Lettori), a Sestriere (Casa Olimpia), a Roma (Teatro degli Artisti), all’Ascoli Teatro Festival, al Festival dei Mondi di Andria ed al Festival Teatrale di Todi nel 1997 riscuotendo un ottimo successo di pubblico e critica.