• teatropubblicoligure logo
  • ODISSEA un racconto mediterraneo

  • ILIADE un racconto mediterraneo
  • Eneide un racconto mediterraneo
  • DECAMERON un racconto italiano in tempo di peste
  • Portus Lunae Art Festival
  • soriteatro
  • Letturainpubblico 200
  • FRANTOI dell’ARTE
  • FESTIVAL GROCK
  • STAR Sistema Teatri Antichi Romani
  • 5 terre Art Festival
  • FESTIVAL SCALI A MARE PIEVE
  • DIALOGHI
  • ATLANTE DEL GRAN KAN
  • Yves Klein
  • Tutto il Teatro in un manifesto
  • Tearto
  • I boreali
Antonio Carli

Chitarre corsare

Paganini – Taraffo – Mazzini – De Andrè

Spettacolo teatrale in forma di concerto
regia di Sergio Maifredi
produzione Teatro Pubblico Ligure

Con: Fabrizio Giudice (chitarra), Andrea Nicolini (voce e fisarmonica), Gianluca Nicolini (flauto traverso)

Quattro grandi nomi di artisti nati in Liguria e due punti in comune: la chitarra e le vite avventurose, “corsare” appunto.
Lo spettacolo porta in scena un interessante backstage delle esistenze movimentate di artisti che ci raccontano con i loro testi e con le loro chitarre la Liguria e il mondo da loro attraversato.
Ed ecco De André, per i vicoli di Genova, a vivere una movida ante litteram con il suo amico “Paolo”, Paolo Villaggio; ecco il racconto delle valli svizzere e dei canti delle mandriane di Mazzini, che scrive per chitarra dall’ esilio, mentre cerca di fare l’Italia; ecco Paganini che si diverte a comporre per chitarra un unico brano, proposto nello spettacolo, mentre si esercita a diventare il più grande violinista di tutti i tempi. E infine Taraffo che naviga sui transatlantici e, sconosciuto in terra natia, diventa famoso oltre oceano, come è successo e succede a tanti liguri ed italiani.
Uno spettacolo in forma di concerto sulla vita, le vicende, le musiche, le parole di quattro tra i più grandi liguri conosciuti nel mondo: Paganini, Mazzini, Taraffo e De André.
Lo spettacolo ha debuttato nel 2009 negli “Scali a mare” di Pieve Ligure (GE), ha proseguito nei più noti scenari all’aperto della Liguria come Portofino, Villa Hanbury, Albissola, in pinacoteche e musei ed è stato proposto a Berlino come spettacolo testimonial per la cultura italiana e ligure.

I protagonisti dello spettacolo

Nicolò Paganini (1782-1840)
Non tutti sanno che il grande musicista, oltreché amante della chitarra, era un autentico virtuoso dello strumento e che molti degli arpeggi, accordi e bicordi che adottava sul violino erano trasposizioni di idee chitarristiche. Molti studiosi ritengono che la sua grande abilità di violinista sia dovuta anche alla contaminazione fra le tecniche della chitarra, del mandolino genovese e del violino.
Giuseppe Mazzini (1805 1872)
Anch’egli appassionato chitarrista, nelle lettere alla madre dall’esilio spesso si citano brani che egli suonava anche in duo con flauto o violino. Nella sua casa di via Lomellini a Genova, ora Museo del Risorgimento, è esposta la sua chitarra.
Pasquale Taraffo (1887–1937)
Chitarrista unico nel genere popolare, per lui la chitarra a sei corde si rivela presto troppo limitata, quindi con l’aiuto del liutaio Settimio Gazzo realizza una speciale chitarra a quattordici corde, che necessita del supporto di un piedistallo. Nel 1910 a Barcellona, dopo aver tenuto concerti per quaranta notti consecutive nello stesso locale, verrà ribattezzato El dios de la Guitarra. In Italia ebbe successo nel Varietà, ma è in Sud America, a Buenos Aires, che la sua carriera decolla, a partire dalla metà degli anni Venti. Grande apprezzamento ricevette anche negli USA, a New York e in California, tra il 1928 e il ’29, guadagnandosi ampio consenso di critica e pubblico. Tornato in Italia, per mantenersi, suona sulle navi da crociera e in varie città costiere del Mediterraneo con l’orchestra del maestro argentino Edoardo Bianco. Negli ultimi anni continua a tenere concerti in Argentina, Stati Uniti, Europa e Asia, ma non farà mai più ritorno in Italia.
Fabrizio De André (1940-1999)
Le sue parole non possono prescindere dalla sua chitarra da cui non si è mai separato fino alla fine.

Gli Artisti

Gianluca Nicolini – flauto
Diplomato presso il conservatorio “Cherubini” di Firenze, è docente di musica d’insieme per strumenti a fiato presso il conservatorio “Ghedini” di Cuneo. Svolge un’intensa attività concertistica con le formazioni cameristiche Quintetto Danzi e Duo Novecento (con il chitarrista Fabrizio Giudice), con cui ha inciso CD per le case Edizioni Musicali Sinfonica e Philarmonia. Ha suonato nell’Orchestra Filarmonica Italiana ed è stato primo flauto dell’Orchestra Filarmonica Giovanile di Genova. Collabora con il Teatro Stabile di Genova per l’esecuzione e la registrazione di musiche di scena. Ha effettuato registrazioni radiofoniche e televisive per la RAI.
Fabrizio Giudice – chitarra
Diplomato presso il conservatorio “Paganini” di Genova, ha conseguito inoltre il diploma di merito presso l’Accademia Chigiana di Siena. È risultato vincitore e premiato in numerosi concorsi nazionali ed internazionali. Docente presso il conservatorio “Bonporti” di Riva del Garda (TN), svolge un’intensa attività concertistica da solista e in varie formazioni in Italia e all’estero. Dal 1989 suona regolarmente nel Duo Novecento con il flautista Gianluca Nicolini. Si è dedicato alla riscoperta e alla rivalutazione dell’opera del chitarrista genovese Pasquale Taraffo, ricostruendo e riscrivendone numerosi brani solistici a partire da incisioni discografiche d’epoca e pubblicando anche un CD da solista per l’etichetta “Philarmonia” dal titolo “Pasquale Taraffo e il suo tempo” e un volume di partiture di Taraffo per le Edizioni Musicali Sinfonica.
Andrea Nicolini – fisarmonica e voce
Attore diplomato alla Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova e musicista diplomato presso il conservatorio “Paganini” di Genova, da sempre coniuga le due passioni, componendo anche musiche di scena per numerosi spettacoli per le regie di Sciaccaluga, Lavia, Garella, Besson, Langhof, Branciaroli, Binasco, Ferrini, Zanussi, Avogadro, Lisma, e molti altri. Come attore è stato diretto fra gli altri da Sciaccaluga, Ferini, Maifredi, Zanussi, Lavia, Branciaroli, Garella e Stein, con cui ha recentemente portato in scena “I Demòni” di Dostojevskij.

VIDEO

Chitarre Corsare

Integrale


Chitarre Corsare

Promo (6'56")