• teatropubblicoligure logo
  • teatri del paradiso
  • ODISSEA un racconto mediterraneo

  • ILIADE un racconto mediterraneo
  • Eneide un racconto mediterraneo
  • DECAMERON un racconto italiano in tempo di peste
  • Portus Lunae Art Festival
  • soriteatro
  • Letturainpubblico 200
  • FRANTOI dell’ARTE
  • FESTIVAL GROCK
  • STAR Sistema Teatri Antichi Romani
  • 5 terre Art Festival
  • FESTIVAL SCALI A MARE PIEVE
  • DIALOGHI
  • ATLANTE DEL GRAN KAN
  • Yves Klein
  • Tutto il Teatro in un manifesto
  • Tearto
  • I boreali

Un Teatro che rivela l’invisibile

Una città è fatta dalle storie, dalle biografie di chi la vive e la percorre. Partendo dal paradigma delle Città Invisibili  di Calvino, abbiamo steso davanti a noi una mappa, un atlante, andando ad abitare per un po’ di tempo, da stranieri, una città. Ne ascoltiamo le storie, facendocele affidare, conquistandoci una fiducia proprio in quanto forestieri di passaggio.
In ogni città troviamo chi ci guida per strade e vicoli, per cuori e volti. Qualcuno che ci aiuta a traghettare una storia, che ci aiuta a negoziare quel patto silenzioso che si instaura tra chi si racconta e chi ruba una voce, una parola, un’immagine per andare a creare una pagina che restituisca la vita.
Questo è oggi il teatro che ci interessa, un teatro che rivela l’invisibile: le paure, i sogni, i progetti di una comunità altrimenti fatta di passi consumati in fretta, di auto, di semafori, di clacson, di chiamate perse, di rete o zone fuori campo.
A poco a poco, in questi mesi di lavoro, Tirana ci è diventata familiare. Al primo volo ci era sembrato di atterrare in capo al mondo: dall’Italia il nostro sguardo attraversava un cannocchiale ribaltato che, anziché avvicinare, allontanava la visione.
Grazie a chi ci ha invitati, accuditi e accolti, grazie all’Istituto Italiano di Cultura di Tirana, grazie all’Università di Tirana, grazie ad Alessandra, ad Ema, agli studenti e ad ogni persona che ci ha raccontato qualcosa di sé, per noi la città è più vicina e sulla grande mappa, sull’atlante del Gran Kan, si disegna Nairat che si specchia nel suo doppio invisibile che è Tirana.

Sergio Maifredi
Direttore artistico Teatro Pubblico Ligure